Quarto Grado si occupa dei casi Cimò, Scazzi, Alberto Stasi e Chico Forti

Quarto Grado

Salvo Sottile conduce Quarto Grado

Il programma televisivo di approfondimento di cronaca Quarto Grado, condotto da Salvo Sottile, torna questa sera 5 aprile in prima serata su Rete 4 e si occuperà del processo di Salvatore di Grazia, l’uomo che giura di non aver mai ucciso la moglie, Mariella Cimò.
Per gli inquirenti l’omicidio sarebbe sfociato per motivi economici durante un forte litigio tra i coniugi in merito alla decisione della Cimò di chiudere l’autolavaggio di sua proprietà.
La trasmissione parlerà inoltre del nuovo processo per l’omicidio Sarah Scazzi.
La madre di Sarah Scazzi, aveva già partecipato alla trasmissione Tv “Domenica Live“, dove intervistata da Barbara D’Urso, ha dichiarato giusta la condanna all’ergastolo per Cosima e Sabrina.
Nel frattempo la cassazione chiuderà il processo ad Alberto Stasi. I giudici dovranno quindi decidere se assolverlo in via definitiva oppure condannarlo per l’omicidio dell’ex fidanzata Chiara Poggi. La decisione verrà presa il 17 aprile. Nel frattempo Alberto Stasi è stato assolto in primo e secondo grado di giudizio e lavora come commercialista a Milano.
Verrà ripercorsa, tramite una ricostruzione, la vicenda di Chico Forti.
Il caso di Chico Forti era già apparso a Mistero il 6 marzo 2013 con il servizio di Nicole Pelizzari.
Chico era famoso per aver vinto nel 1990, 86 milioni in gettoni d’oro nel corso della trasmissione TeleMike, prima di essere accusato di omicidio a Miami, dove viveva, il 20 febbraio 2013.
Quarto Grado dà spazio anche alle persone scomparse, parlando di Roberta Ragusa e Yara Gambirasio, il cui corpo esanime è stato ritrovato dopo 3 mesi dalla scomparsa il 26 febbraio 2011.
Per Quarto Grado non sarà facile confrontarsi con la concorrenza degli altri programmi della serata: Su rai 1 va in onda l’ultima puntata del gioco a premi Red or Black. Su rai 2 vanno in onda i nuovi episodi di Rex, e su rai3 il film di animazione Monster & Co.

L'autore: 

Questa voce è stata pubblicata in Cronaca. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.