Recupera l’uso del linguaggio grazie a una ricerca italiana

Recupera l'uso del linguaggio grazie a una ricerca italiana

Recupera l’uso del linguaggio grazie a una ricerca italiana

Quattro anni di intensa riabilitazione hanno permesso ad Alex di recuperare l’uso del linguaggio, passando la funzione dall’emisfermo sinistro, danneggiato durante un incidente, all’emisfero destro.

Un racconto realmente molto interessante e innanzitutto conclusosi nel migliore dei modi, quello che stiamo per narrarvi e che ha come personaggio principale un giovane di diciannove anni di nome Alex di origine romena ma residente oramai da dodici anni nel nostro Paese, che è stato capace di riavere quasi completamente l’uso della parola in seguito a un tremendo incidente stradale. Sembrerebbe che in seguito allo shock subito la funzione cerebrale adibita al linguaggio o per lo meno una parte dell’emisfero sinistro del cervello del giovane Alex, fosse stata compromessa, pregiudicando così in maniera relativamente notevole le capacità linguistiche e motorie.

“È il 1° caso documentato al mondo in cui l’emisfero destro è stato in grado di supplire alle funzioni dell’emisfero sinistro facendo, praticamente, un doppio lavoro”, ha dichiarato Andrea Marini, professore di neuroscienze cognitive dell’università di Udine, nonchè autore dello studio in argomento. Per tanti anni difatti Alex venne seguito da varI medici e specialisti che lo hanno sottoposto a disparati programmi di riabilitazione sperimentali; in particolare Alex durante gli anni sembra abbia eseguito programmi di riabilitazione condotti da medici nostro Paese delle Università di Udine, Torino, del centro Puzzle e dell’Ospedale Koelliker.

In seguito alla tragedia stradale in appena quattro mesi l’emisfero sinistro del cervello del giovanotto si era radicalmente distrutto. Per merito di un intenso programma di riabilitazione sperimentale prodotto su misura e durato dal 2011 per 5 anni e malgrado avessimo lavorato solo in italiano, il giovane ha ripreso a dialogare sia in italiano che nella sua lingua madre rumena. Abbiamo in aggiunta osservato che usava la stessa zona dell’emisfero destro per tutte e due le lingue”, hanno manifestato I medici che lo hanno avuto in cura. I medici sembra abbiano svolto un lavoro intenso anche sul tono vocale in questi anni, sulla capacità di cogliere il senso delle storie ascoltate e di essere pertinente nella comunicazione Per mezzo della voce e dei gesti. “Gli unici casi scientifici simili riportati in letteratura scientifica riguardano pazienti monolingue e ricerche datate ha aggiunto Andrea Marini.“Abbiamo effettuato un esperimento di neuroimaging funzionale con cui abbiamo potuto illustrare che una zona specifica dell’emisfero destro del paziente veniva ‘reclutata’ con l’obiettivo di generare parole in entrambe le lingue.

La ricerca, dunque, dà anche speranze per il recupero delle funzioni linguistiche in seguito a forme gravi di concussione cranica“, conclude lo scienziato nonchè autore dello studio. Per merito della terapia, Alex ha recuperato anche dalla tetraplegia, ed è ora capace di spostarsi e camminare aiutandosi con un bastone. Il mese passato, ha partecipato come interprete del cinema a uno show al teatro. E ora intende iscriversi a una scuola di canto. Con una nuova riabilitazione prodotta su misura il cervello è capace di realizzare un vero switch’, spostando, in caso di gravi lesioni, le centraline cognitive, della parola e del movimento dall’emisfero sinistro a quello destro.

A inizio del 2011, gli specialisti del centro Puzzle torinese hanno iniziato un protocollo riabilitativo drasticamente massivo: per tre volte a settimana Alex si è sottoposto a riabilitazione fisioterapica, logopedistica e neuropsicologica, svolgendo anche attività di conversazione di gruppo. Un cammino seguito in modo caparbio e determinato, che in 4 anni ha portato risultati eccezionali: “Abbiamo osservato”, spiega Marini, “un recupero inatteso delle capacità di linguaggio.”.

Sottoponendo il cervello di Alex a risonanza magnetica funzionale, un esame che consente di riscoprire quali zone del cervello si attivano in concomitanza con particolari attività svolte dal paziente, i ricercatori hanno in aggiunta osservato che una regione dell’emisfero destro del cervello di Alex viene reclutata per produrre parole in tutte e due le lingue.

Ricordiamo le trasmissioni televisive che si occupano di Salute: Su Rainews24 “Basta la salute” che normalmente va in onda il mercoledì alle sette e mezza di sera e alle nove e mezza e naturalmente Medicina 33, rubrica del Tg2, in onda tutti i giorni alle 13:50. Per sapere cosa c’è Stasera in tv puoi usare la guida di Zam.

L'autore: 

Si occupa dell'informazione relativa ai programmi televisivi italiani e stranieri sulla guida Tv Zam. Redattore dei palinsesti tv e delle news sulla programmazione televisiva d'attualità, politica, sport, spettacolo e cultura.

Informazioni su mr.blue

Si occupa dell'informazione relativa ai programmi televisivi italiani e stranieri sulla guida Tv Zam. Redattore dei palinsesti tv e delle news sulla programmazione televisiva d'attualità, politica, sport, spettacolo e cultura.
Questa voce è stata pubblicata in Salute, Scienza. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.