Le dimissioni di Bersani e di Rosy Bindi

Bersani abbraccia la Bindy

Bersani abbraccia la Bindy

Questa sera a Porta a Porta ci sarà l’ex presidente dimissionario del PD Rosy Bindi.
Tra gli ospiti anche Maurizio Lupi che è stato vicepresidente della camera del Governo Berlusconi durante la XVI legistalura.
Una testimonianza del PD che è caduto a pezzi durante le elezioni del Presidente della Repubblica. Dopo aver proposto, prima Marini, Poi Romano Prodi come presidente di larghe intese, il gruppo del PD si è trovato frammentato e incapace di portare a termine le elezioni.
Si è dovuti ripiegare su un Napolitano bis, per un’incapacità della sinistra italiana di trovarsi d’accordo nell’eleggere un proprio rappresentante, decretando le dimissioni di Bersani e della Bindi.
Massimo D’alema, accusato di essere dietro la Regia del naufragio di Prodi, replica aspramente che denuncerà il calunniatore che ha sparso questa voce e che la sconfitta di Prodi è frutto di una candidatura improvvisata.
Il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, tra le voci principali del dissenso interno al PD, propone un anno di governo e poi di andare alle elezioni. In questo anno di governo sarà necessario portare a termini i cambiamenti più importanti ovvero: togliere il finanziamento ai partiti, taglio delle poltrone in politica, maggiore trasparenza nelle spese dei partiti.
Sembra il programma di Grillo, se non fosse che Renzi afferma “Basta inseguire Grillo, l’agenda la dobbiamo dettare noi”.

Informazioni su mr.blue

Si occupa dell'informazione relativa ai programmi televisivi italiani e stranieri sulla guida Tv Zam. Redattore dei palinsesti tv e delle news sulla programmazione televisiva d'attualità, politica, sport, spettacolo e cultura.
Questa voce è stata pubblicata in Politica. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.