Vivere sepolti in casa nel disordine e nella sporcizia

Sepolti in casa su Realtime

Sepolti in casa su Realtime

 Si chiama “disposofia” il disturbo mentale che porta all’accumulo, una sottospecie dei disturbi ossessivo-compulsivi. Real Time gli dedica 39 puntate di un reality.

Il film-reality “Sepolti in casa “originariamente trasmesso dall’emittente statunitense TLC con il titolo Hoarding: Buried Alive, sta andando in onda su Real Time in seconda serata, a partire dalle 22,30. La serie ha come protagonisti i cosiddetti “Accumulatori compulsivi”, coloro che soffrono diun disturbo mentale che solo di recente è stato riconosciuto come tale, mentre fino a qualche anno or sono veniva malamente tollerato dai familiari che consideravano il genitore, il parente o l’amico un inguaribile disordinato, spesso giudicandolo pigro e incapace di tenere pulita e in ordine la propria casa.

In realtà si tratta di una malattia mentale, che in Italia ha faticato più che negli USA ad emergere a causa della tendenza , tutta italiana, al nascondimento, alla vergogna, al voler lavare i panni sporchi in famiglia. Questi atteggiamenti, uniti all’ignoranza sull’argomento, hanno portato il disturbo ad essere poco conosciuto e questi malati sono stati sempre considerati non come persone malate bisognose di aiuto, ma colpevolizzate tout court.  Invece le statistiche hanno raccolto dati impressionanti:  In Italia soffrono di ‘Hoarding Disorder’. Solo che fino a ora non se ne aveva la percezione, perché nessuno chiamava i servizi sociali o faceva visitare il congiunto da uno psichiatra, considerandolo semplicemente una persona bizzarra.

I parenti spesso peggiorano la loro condizione, perché,  pensando di fornire aiuto, si limitano, al massimo, a far ripulire le stanze, a gettare via gli accumuli di oggetti, quasi sempre all’insaputa dei diretti interessati, che, al loro rientro a casa, si sentono completamente perduti fino all’orlo di un’angosciante disperazione, nel non trovare più nulla di quelle cose, per altri insignificanti, ma che per loro rappresentavano il pur labile filo di collegamento alla realtà, grazie al legame che ogni oggetto rappresenta per loro dal punto di vista affettivo. Che si tratti di  vecchi barattoli vuoti, o di oggetti nuovi ancora con l’etichetta attaccata, o di stracci inutili , o di pile di giornali vecchi e polverosi, negli anni il ciarpame ricopre i mobili, le suppellettili, la cucina, il bagno, il pavimento, tanto da non consentire una vita normale . Il cibo non si cuoce più perché il fornello è inagibile, non si dorme piu nel letto perchè sovraccarico di cose che non è permesso spostare, non esistono tavoli liberi per cui si mangiano scatolette in piedi, non si trovano gli oggetti di uso e consumo perché sepolti sotto sacchetti e immondizia e, se in casa vivono animali, si sta anche in mezzo agli escrementi e a un olezzo insopportabile.

L’accumulo compulsivo non è una forma di psicosi , come si pensava fino a un decennio fa – ma una sottospecie – afferma oggi la psicologia –  del disturbo ossessivo compulsivo. Come dire che questi malati “non possono fare a meno” di continuare a raccattare cose, nuove o usate, di raccogliere avanzi e oggetti rotti dai cassonetti dell’immondizia, di recuperare o perfino acquistare oggetti astrusi e inutili. Agli oggetti i malati legano le proprie sicurezze, la propria identità disastrata: anche se sono solo dei rifiuti, per loro assumono un significato affettivo fondamentale, che non può essere smantellato con un trasloco o una disinfestazione.

Denise , protagonista del reality, mostra il suo appartamento

Ogni episodio del serial “Sepòlti in casa”  viene dedicato a due diverse storie in cui gli hoarder vengono aiutati da uno psicoterapeuta e da un personal organizer a rendere nuovamente agibili gli spazi abitativi liberandosi di tutti i beni inutili accumulati nel corso degli anni.

La patologia pare abbia una propria base fisiologica in una variazione nella conformazione del cervello in chi ne soffre. Ma non tutti coloro che presentano tale diversa conformazione si ammaleranno, perché sono determinanti i fattori ambientali più o meno favorevoli nel rendere conclamata la malattia. Quando ciò accade, se il disturbo non viene riconosciuto è  trascurato per anni,  i pazienti scivolano verso una progressiva condizione di abbandono e di trascuratezza, finchè sarà troppo tardi per apportarvi un rimedio. Non alla casa, quanto alla mente del poveretto.

E’ pero’ fondamentale un intervento di equipe: lo psichiatra a livello farnacologico, lo psicologo-psicoterapeuta per un affiancamento e una ricostruzione dell’identità e delle sicurezze, gli assistenti sociali per la rilevazione della condizione degli spazi dal punto di vista organizzativo ma anche igienico –sanitario.

Personalità e condizione psicofisica degli accumulatori compulsivi

Come appare nel filmato, questi soggetti si trovano da anni in condizioni di stress forzato e spesso sono lasciati soli a risolvere i propri problemi. Denise, ad esempio, quando apre la porta di casa sua, ammette di vivere sola – e chi starebbe in mezzo a quel caos e a quel luridume ? –  ma stava nel frattempo  combattendo un tumore da 20 anni, aveva subito tre interventi a diversi organi, che le erano stati tolti. Era preoccupata per la propria condizione non solo di salute ma anche finanziaria, perché aveva perduto il lavoro un anno prima e i suoi risparmi erano ormai terminati. Come non bastasse, la sua famiglia aveva poche disponibilità economiche per poterla aiutare.

Gli oggetti fanno sentire Denise “più all’altezza delle situazioni, è fermamente convinta che più cose si possiedono più valore si acquista agli occhi degli altri: una distorsione cognitiva che la “obbliga” in modo compulsivo a continuare ad accumulare. Denise vive sommersa ormai anche dalla sporcizia, dagli escrementi dei suoi cagnolini, che sono dappertutto: l’unico spazio rimasto disponibile e in cui dorme la notte lei , il suo gatto e i suoi cani, è una piccola porzione del letto, che mostra ai visitatori della troupe.

Dappertutto il tanfo di immondizia marcia attira scarafaggi e insetti che ormai invadono la casa  con i topi che ci hanno fatto i nidi. Nonostante queste evidenti constatazioni, per Denise è impossibile procedere da sola a ripulire e soprattutto cominciare a gettare via. Denise aveva cominciato accumulando soprammobili, barattoli vuoti, scatole e cartoni e non riuscendo più a buttare i giornali vecchi. In seguito l’impossibilità di usare gli ambienti l’ha portata a non poter buttare l’immondizia e la confusione tra cio’ che sarebbe stato da gettare e cio’ che avrebbe voluto tenere le rendeva il conflitto impossibile da sciogliere.

A questo punto si era creato il circolo vizioso della scarsa igiene e della crescente malnutrizione, non potendo utilizzare i locali per gli scopi cui erano preposti. Il malessere diventa non solo fisico ma psicologico e tende a peggiorare perché segue il progressivo abbandono da parte dei familiari, orripilati ma giudicanti, in quanto non al corrente di avere a che fare cin un  vero e proprio malato di mente. L’abbandono fa il resto.

Interventi utili dell’equipe di sostegno

Denise viene presa in tempo utile, perchè già seguita dai servizi sociali in quanto malata di cancro da anni, in seguito indigente viene segnalata e in tal modo potrà essere seguita da un’equipe multidisciplinare. Questa è la sola ancora di salvezza, perché, pur con grandi incertezze e paure, accetta di aprire la porta di casa, di lasciare che si cominci a pulirla potendo partecipare a dare indicazioni lei stessa. La partecipazione  dell’interessata è fondamentale per  non farla regredire psichicamente a livelli ancora più limitanti. E’ altresì importante chiederle il permesso di buttare, anche cercando di convincerla, per conservare il suo senso di identità già molto traballante.

Il sostegno di una psicoterapeuta c’è di continuo, soprattutto nelle prime fasi del lavoro, il giro della sua casa viene compiuto insieme alla terapeuta. Un giro difficile perché occorre cominciare a concordare cosa è possibile cominciare ad eliminare e solo il pensiero crea angoscia in Denise: gli oggetti sono per lei come un aggancio col passato, oggetti transazionali di tipo affettivo. E’ molto difficile il percorso per arrivare ad accettare la presenza degli operai e dei volontari per un parziale sgombero. Le vengono quindi spiegati anche i pericoli concreti della situazione, soprattutto quelli di incendio, da non sottovalutare.

Quando la psicoterapeuta le mostra i tubi del bagno bloccati, l’acqua che non scende più e le chiede come faccia a lavarsi, Denise comincia a provare vergogna nell’ammettere che usa solo le salviettine umidificanti da anni, si vergogna dei topi e degli insetti e del fatto che stiano invadendo anche l’appartamento dei vicini e questa emozione di vergogna è salutare per lei, che ammette “di trovarsi bene con questa psicologa perché non la giudica “. “E’ difficile – spiega – ma non mi sento giudicata come da tutti gli altri e questo mi fa sentire meno inadeguata”.

Il lungo percorso è appena cominciato. Mentre Denise è intenta a parlare con la psicologa, gli operatori cominciano il loro lavoro di svuotamento , pulizia, disinfestazione, tinteggiatura. E il miracolo appare quando la protagonista si illumina nel rivedere, finalmente, i suoi mobili per intero e le pareti della sua casa, come non ricordava da anni.

La dottoressa cerca sempre di convincerla con molta calma, facendo leva sull’igiene e sulla salute, sul rischio di infezioni che ogni giorno aumenta. E’ ovvio che si tratta solo di un inizio, la parte presentata nella puntata non è che un primo step di quelli che saranno, in futuro, altri pazienti interventi, soprattutto lavorando con la psiche di Denise.

Cosa si fa in Italia per trovare soluzioni

Non ci sono ‘fasce’ più o meno colpite: da chi è indigente a chi è benestante, da chi lavora a chi è disoccupato, a chi ha un buon livello di cultura a chi no, “l’Hoarding Disorder è un disturbo ‘verticale’“, sottolinea Alessandro Marcengo, psicologo di Torino, esperto di questo grave disturbo di personalità.

A Torino, presso il Centro clinico Crocetta, è partito lo scorso febbraio un corso accreditato Ecm per psichiatri e psicoterapeuti, e uno dei moduli sarà  focalizzato sul tema. “Sarà il primo corso su questo argomento riconosciuto in Italia – spiega Marcengo –  che è anche membro della Societa’ italiana di terapia cognitivo comportamentale (Sitcc). “ I parenti ci chiedono spesso se esista una pillola che curi il disturbo – riferisce l’esperto –  Non c’è una soluzione semplice, ma ci sono diverse linee di intervento”. Quella di elezione è una terapia cognitivo-comportamentale specifica per ciascun paziente, “se il paziente accetta il percorso”. Infatti, chi ha l’Hoarding Disorder non sa di soffrirne, come succede con molti disturbi della mente: “In questo caso cerchiamo di creare un rapporto cooperativo per risolvere gli aspetti pratici”, spiega Marcengo.  Il Centro Crocetta, organizza inoltre incontri mensili psico-educativi di gruppo per i parenti degli accumulatori. “Ora grazie a Internet abbiamo un filo più diretto con i familiari, e riceviamo una quantità impressionante di e-mail”. Una conferma della dimensione del problema anche nel nostro Paese.

 

 

Informazioni su Paola Federici

Paola Federici è psicologa psicoterapeuta, scrittrice e giornalista. Ha fondato  il Centro Psicologico di Binasco (Milano). Riceve sia nello studio di Milano che in quello  di Binasco.  Ha scritto libri di psicologia divulgativa per tutti: "I bambini non ve lo diranno mai ma i loro disegni si"; "Il tuo bambino lo dice con i colori"; "Mi disegni un albero?"; "Gli adulti di fronte ai disegni dei bambini", “Lo stress del terzo millennio ( Ed. Franco Angeli). Ha collaborato con quotidiani e riviste nazionali Mondadori e Rizzoli (Donna Moderna, Confidenze, Donna Informa, Insieme, il Giorno, Il Resto del Carlino e altri). E’ stata per anni Direttore responsabile del mensile “La Tua Zona sud Milano). Per contatti, richieste di articoli  e appuntamenti scrivere a paolafedera@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Attualità, News, Scienza, Tv. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Vivere sepolti in casa nel disordine e nella sporcizia

  1. Anna Sanguineti scrive:

    Gent. Dott.ssa Federici,
    Mia figlia è separata da 4 anni e credo soffra di accumulo compulsive di cose.
    Nella casa in cui vive con i suoi 2 bambini di 6 e 8 anni c’è un disordine spaventoso e igiene precaria.
    cOme posso aiutarla a risolvere il suo problema senza giudicare e tantomeno farla sentire inadeguata?
    Grazie per la Sua cortese risposta.
    Anna Mamma preoccupata

    • paola federici scrive:

      Gentile Anna mamma preoccupata, intant0 mi scuso di non aver risposto subito al suo commento, ma non avevo aperto il sito da un po’ di tempo e quindi…eccomi qua. Penso che innanzitutto occorra distinguere se sua figlia sia tendenzialmente disordinata, o stia attraversando una fase depressiva dovuta al periodo difficile che sta attraversando. Se è stata sempre disordinata, fin da quando era ragazzina, potrebbe solo attraversare un periodo di difficoltà, soprattutto dopo la separazione: superlavoro, aumento di responsabilità a casa e al lavoro, oltre ai bambini piccoli che sono un carico notevole per una mamma sola. I periodi di fatica prolungata possono condurre a stress molto pesante, soprattutto se non ha aiuti e se ha anche difficoltà (economiche, di gestione, di relazione con l’ex marito, di lavoro…).
      Quando si parla invece di disposofia si intende un grave disordine, una grave incuria e un accumulo di tutto ciò che capita o che si trova in giro fino ad arrivare a un ingombro dei locali che impedisce non solo di pulirli ma perfino di muoversi. Se invece sua figlia dovesse essere solo stanca, un po’m apatica e demotivata, nervosa nel suo quotidiano, talvolta ansiosa, potrebbe essere depressa. In questo caso, con tatto, potrebbe consigliarle di fare un colloquio con una psicologa psicoterapeuta, che potrebbe aiutarla a capire una via di uscita per sentirsi meglio. Quasi sempre le persone depresse non si rendono conto del loro stato reale , si arrabbiano con gli altri, ma non riescono a reagire. Sono però segnali indicativi quelli di cui lei ha scritto: l’apatia, l’incuria, la minor cura di sè e della casa, l’aspetto sempre più trasandato, la mancanza di gioia interiore e il vedere tutto nero. La persona depressa non vede alcuna via di uscita al suo stato negativo, anche se la via d’uscita è davanti ai suoi occhi. Provi a osservare quindi sua figlia e la situazione e la accompagni da un esperto in materia, prima parlandole con affetto, facendole sentire che si è accorta che è diversa dal solito e che se ha un problema o non si sente bene, può aprirsi con fiducia.
      Mi tenga aggiornata se vuole, mi scriva sul mio sito: http://www.paolafederici.com . Auguri.

  2. P scrive:

    Disposofia??? Bah

  3. claudia scrive:

    buonasera mi chiamo claudia e sono rimasta vedova da tre anni e sono mamma di tre bimbi 11 13 14 e accumulo vestiti piccolini e per i miei figli ma sono molti da rempire una stanza dai parenti vengo giudicata non e quello che mi serve vorrei un suo parere

  4. Borgato Garcia scrive:

    Gentile dottoressa Federici, leggevo il suo articolo mentre cercavo consigli su come tenere ordine, sono sempre stata molto ordinata,fin da bambina con astucci e matite agli armadi! Il problema nasce oRa che ho i miei bimbi, il più piccolo ha un anno ,è un piccolo terremoto, tocca tutto butta a terra ogni cosa , come penso faccia ogni bimbo della sua età, sta molto tempo in braccio perché lo allatto e gioco molto con lui, ma complici anche frequenti mal di testa mi ritrovo ad avere una casa molto in disordine , dal mio armadio alla camera dei bambini, quando guardo divento molto nervosa, mi prometto che il giorno dopo mi metto a sistemare , ma purtroppo trovo malapena il tempo di pulire il bagno la cucina fare il bucato ma di riordinare non mi riesce, questo meccanismo va avanti da mesi !non so come uscirne, mi piace pulire e mettere in ordine , la sera penso al giorno dopo come potrei sistemare ma poi non lo faccio, non so se c’è una soluzione, so solo che spesso sono nervosa a causa di questo e lo sono anche con i bimbi perché vorrei fare con loro tanti giochi e lavoretti ma mi dico prima devo mettere ordine poi potrò giocare con loro e questo causa frustrazione, scusi se ho scritto ” in disordine” , ho scritto di getto !la ringrazio del tempo e dell articolo che ha pubblicato! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *