Truffati i Papaboys in viaggio a Madrid per Benedetto XVI

Papa Benedetto XVI a Madrid truffa ai Papaboys

Papa Benedetto XVI a Madrid

Tre persone sono state inquisite dalla procura di Cagliari per un’ipotetica truffa maxi perpetrata ai danni di diocesi della sardegna e dei corrispettivi vescovi.
Gli imputati fanno parte dell’amministrazione dell’agenzia turistica Silla viaggi di Sestu e sono: il militare Christian Marras di trentasette anni e le sorelle Annarosa (46) e Gabriella Ferru (41 anni). I capi d’imputazione riguardano l’accusa di aver mantenuto per sé i soldi del viaggio di ritorno dei Papaboys provenienti da Madrid in occasione del pellegrinaggio nel 2011 di Benedetto XVI. La Regione e le diocesi furono costrette a riacquistare i biglietti.

L'agenzia Silla viaggi di Sestu

L’agenzia Silla viaggi di Sestu

Cosa era accaduto ai Papaboys nel 2011? In pratica, una volta arrivati a Madrid, il gruppo di più di mille papaboys scoprì che erano scomparsi i biglietti per il ritorno. Fu la compagnia sarda Meridiana a venire in soccorso ai fedeli, grazie anche all’intervento della regione e della diocesi che ripagarono i biglietti alla compagnia, per la cifra di 250mila€.

Gli inquirenti hanno seguito la traccia lasciata dal denaro e hanno scoperto che i pagamenti effettuati dalle diocesi erano stati utilizzati dall’agenzia per pagare altre escursioni e crociere oppure estinguere prestiti personali. A seguito del raggiro, Christian Marras si sarebbe confessato con i parroci cercando così di evitare l’azione legale, avvalendosi del segreto confessionale.

L'autore: 

Si occupa dell'informazione relativa ai programmi televisivi italiani e stranieri sulla guida Tv Zam. Redattore dei palinsesti tv e delle news sulla programmazione televisiva d'attualità, politica, sport, spettacolo e cultura.

Informazioni su mr.blue

Si occupa dell'informazione relativa ai programmi televisivi italiani e stranieri sulla guida Tv Zam. Redattore dei palinsesti tv e delle news sulla programmazione televisiva d'attualità, politica, sport, spettacolo e cultura.
Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Cronaca, News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.