Otto marzo. Per non dimenticare

Su LaEffe la vicenda delle Pussy riot

Su LaEffe la vicenda delle Pussy riot

Squarciano il cielo come lame fosforescenti gialle e impavide. Si fanno medium di un messaggio universale portatore di speranza. Con il loro profumo deciso e pungente gridano che l’ora è arrivata del ricordo.
Amaro purtroppo.
Le mimose ci aprono le porte alla Festa della Donna.

E proprio questa sera, LaEffe propone, alle 22:30, in occasione della giornata internazionale della donna,La vicenda politica e giudiziaria delle Pussy Riot: il collettivo riot, punk rock e femminista che ha osato sfidare l’establishment politico e istituzionale russo.

Nel marzo 2012, le attiviste russe conosciute come Pussy Riot si esibiscono in una performance satirica contro Putin all’interno della cattedrale moscovita di Cristo Salvatore. Col volto coperto da passamontagna colorati, recitano la loro preghiera punk: “Madre di Dio diventa femminista e liberaci da Putin“, suscitando una dura reazione del potere politico ed ecclesiastico russo. Le Pussy Riot furono arrestate con l’accusa di teppismo e istigazione all’odio religioso.
Una tematica ancor più attuale, vista l’occupazione di fatto della penisola della Crimea da parte della Russia negli ultimi giorni.

Si festeggi sottovoce, come se fosse una profonda confessione scorrendo un piccolo rosario di cristallo fra le dita. Si abbia l’accortezza di non gridare, per non offendere chi tanto sofferse. Si usino parole delicate e dolci. E’ una festa per ricordare. Per cambiare. Per capire.
L’elettricità che si percepisce nell’aria questa notte ci porti a riflettere più che ad agire. Nell offrire la mimosa colorata, si pensi a come un gesto può riaccendere un ricordo, un dolore, una lotta o un pianto. Furono proprio le donne, scendendo in piazza a San Pietroburgo, a chiedere la fine della guerra innescando la rivoluzione russa di febbraio.
Aprite le finestre questa sera. Lasciate che l’aria di Marzo corra ribelle per le stanze. Gridiamo alla notte che siamo vivi e facciamo che tutto questo diritto continui a essere rispettato.
Perché la vita è una preziosissima parte di un disegno cosmico che nessuno ha il diritto di cancellare. Se non chi l’ha disegnato.

Informazioni su Massimo Urbano Ferrari

Massimo Urbano Ferrari nasce a Milano e fin dall’adolescenza si interessa ai grandi enigmi delle scienze esoteriche in particolar modo dell’Astrologia e della Cabala. Ha lavorato nell’industria aeronautica in vari paesi tra cui Inghilterra e Brasile. Attualmente vive e lavora a Milano, sempre nell’ambito dell’aviazione, e si occupa nel tempo libero di divulgare l’Astrologia associata ai vari e complessi movimenti contemporanei quali la moda e la società.
Questa voce è stata pubblicata in Attualità, News, Politica, Tv. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.